venerdì 27 novembre 2015

Insieme raccontiamo/3 IL THE AL GELSOMINO

Fatico molto a trovare un po' di tempo per me in questo periodo, ma questo appuntamento non lo posso assolutamente perdere.
Come ogni Mese


Patricia Moll mi fornisce lo spunto per scrivere QUI
In rosso troverete il suo incipit.
In arancione il mio racconto breve di 300 battute.
In verde il racconto con 300 parole, ma non finisce qui.
Mi sono divertita a continure il racconto collegandolo al racconto ... di ottobre "Piccola strega".
P.s. So di scrivere spesso strafalcioni,e errori di distrazione, perciò se mi volete suggerire correzioni saranno più che ben accette,
Sbagliando si impara ^__^  

IL THE AL GELSOMINO

Seduta sul dondolo il tazzone di tè al gelsomino fumante tra le mani, guardava il fuoco nel camino. Le fiamme giocavano allegre a creare strane figure. Fiori, alberi, fate, una porta.
Ma oltre la porta una figura vagamente umana faceva cenno di seguirla. Come in trance, si alzò e andò verso di lei.
Allungò la mano, una scintilla schizzò bruciandole un dito, istintivamente lo cacciò nella tazza. Alcune gocce caddero su quella figura inquietante.
 L’essere si contorse, con una smorfia di dolore e Puff, sparì in un lampo verde.
Inquieta pensò - Che diavolo era?- ma poi sorrise -Bhe, di certo non ama il tè al gelsomino!-
Fuori strepitava e ululava un terribile temporale, maga Peperina bussò e senza aspettare la risposta entrò sbattendo la porta, ansante si appoggiò ad essa come a chiudere fuori il mostro che la inseguiva.
-Le fate degli alari sono in rivolta e si sono alleate con Signore Oscuro- disse tutto d’un fiato –non sappiamo come fermarle.-
-Siediti. Vuoi una tazza di the al gelsomino?-
-Ma sei ammattita? Ti dico che quelle strane creature tramano contro di noi e tu mi offri un the come se ti raccontassi l’ultimo pettegolezzo?-
-So cosa le inorridisce.-
-???-
-Ti giuro fuggono anzi  spariscono in un lampo-

Ora si che Peperina si sedeva compunta in punta di seggiola, prendendo la tazza fumante che le veniva offerta.  Gli  occhi luccicanti e curiosi aspettavano il seguito, ma maga Tranquillina continuò a sorseggiare imperturbabile il suo the dal tazzone, dondolando beata sulla sua seggiola senza dire nulla.
-Bhe hai intenzione di tenermi ancora per molto sulle spine?-
-A loro non piace il the-
-Che cavolo vuoi che mi freghi se a loro piace o non piace il the? C’è mancato poco che il figlio di mago Pacioccone  si buttasse nel fuoco se non lo fermava la mamma-
 Dalla espressione di Tranquillina capì che la cosa non le garbava affatto, e finalmente si decise a condividere ciò che aveva scoperto.
Fu così che Peperina apprese e divulgò a destra e manca come sconfiggere le odiose fate degli Alari.
Le notizie via pettegolezzo sono le più veloci in assoluto a viaggiare, la gente ci crede e non ci crede, ma nel dubbio in genere se male non fa si appresta a mettere in atto il rimedio, se poi il rimedio è per giunta profumato e buono, ed effettivamente funziona, se ne rallegra e ne parla con entusiasmo.
Le donne al mercato si radunavano a capannelli e commentavano –Una volta dicevano mettete dei fiori nei vostri cannoni, bhe ora noi mettiamo dei fiori nei nostri camini, altro che sortilegi malvagi!- 
Gli zappaterra si salutavano con vistose pacche sulla schiena e commentavano -te vest sa fel al the al Gelsumen? Vamolà al feti dl’alveer i han ciapè al lor aveir-
I frequentatori dei magicbar leggevano le notizie sul quotidiano e commentavano sorseggiando il caffè. Negli ambienti di lavoro poi la voce fu più veloce di un lampo.
Nelle settimane seguenti ci fu un incremento di consumo di the al gelsomino tale, che i bottegai erano in difficoltà ad accontentare tutti.
Anche Piccola strega che faceva una vita ritirata ne fu informata e provvide a fornirsi del prezioso e profumato the.
Non si poteva continuare così, le scorte di the al gelsomino nel paese si stavano esaurendo rapidamente, la Veggente era seriamente preoccupata e prevedeva catastrofi.
Occorreva un rifornimento veloce di quell’infuso che proveniva dalle lontane terre oltre l’oceano. Che fare?
CHE FARE???
I draghi.
I DRAGHI!
I draghi tutti li temevano, ma tutti lo sapevano.
I draghi, tutti lo intuivano, tutti lo bisbigliavano.
Tutti sapevano che solo loro avrebbero potuto volare oltre gli  oceani con le loro possenti ali.
Ma chi era in grado di chiedere un tal favore?
Chi poteva avvicinarsi senza essere arrostito?
Chi sapeva parlare la loro lingua?
Ma soprattutto loro avrebbero acconsentito?
Piccola strega.
Sì.
Sì, tutti lo bisbigliavano, avevano bisogno di Piccola strega, solo lei sapeva il linguaggio dei draghi.
Fu così che chi era stato emarginato fino a poco tempo prima divenne l’esperta di cui non si poteva fare a meno.

34 commenti:

  1. Ciao Anna Maria. Sapresti dirmi perché non riesco a trovare il post di Patricia?

    RispondiElimina
  2. Comunque Ti faccio i complimenti, perché come al solito la tua storia è bellissimissima. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Opss, grazie Valentina ora controllo cosa ho sbagliato.

      Elimina
    2. Ora sul QUI funziona.
      Buon e sereno fine settimana ^__^

      Elimina
  3. La tua favola continua a piacermi molto sei stata proprio bravissima sei riuscita a concatenare le storie. .....complimenti Anna Maria sei tu la piccola strega? Quella che parla con i draghi. ..lo sapremo la prossima volta. ...baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusi non so se sono brava, però un po' strega mi sento ;)

      Elimina
  4. E brava Anna Maria!!!! Bellissima!
    Chissà quante storielle narri a tuo nipote eh.... sai, la voce della nonna si sente! :))) Che bello!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty hai visto come ti sono fedele?
      Ora però con mio nipote siamo nella fase che le favole me le vuole raccontare lui ;)

      Elimina
    2. Che bello! Fa piacere ascoltarli. SErve anche a comprenderli meglio e a intervenire se ogni tanto dicono qualcosa che proprio non ci sembra giusto. Magari non subito ma una nonna o una mamma sa quando è il momento di farlo e come.

      Elimina
    3. Non sta zitto un nanosecondo :P

      Elimina
  5. Davvero travolgente e molto ben scritto. Dovresti trovare un illustratore/ice con cui lavorare in coppia e produrre e-book per bambini :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wowww!!! Sono soprattutto stupita del ben scritto, non so dirti quanto mi faccia piacere.
      L'illustratore lo sto cercando da una vita, senza alcun risultato, dovrò decidermi a trovarlo a pagamento, ma ho sempre il dubbio che ciò che scrivo non sia all'altezza di pubblicazione, e questo mi frena molto.

      Elimina
  6. Mi è piaciuta tantissimo *__* Concordo con Ivano!!!
    Un caro abbraccio Anna Maria ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Glò sto gongolando.
      Due commenti dietro fila così positivi mi stanno facendo volare, sarà meglio che scenda prima che sbatta dolorosamente nel soffitto :D

      Elimina
  7. Anna Maria !!!!!!! Hai scritto una fiaba bellissima!!!!!!
    un abbraccio!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Azzurrocielo sono felice che ti sia piaciuto.
      Ti auguro di vero cuore che il tuo cielo sia sereno e privo di nuvole burrascose.
      Baci bacioni.

      Elimina
  8. Quoto Ivano Landi e Giò.
    Trova un'illustratrice, non dovrebbe essere difficile su internet, e VAI!Questa è la tua strada.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho leggermente modificato ma più o meno è
      quello che trovi qui
      http://hermioneat.blogspot.it/search?updated-max=2015-11-03T15:09:00%2B01:00&max-results=7&start=42&by-date=false

      Grazie dei tuoi commenti, sei troppo gentile!

      Elimina
    2. No, no non sono gentile, commento solo ciò che approvo, non sono riuscita a leggere cosa hai modificato, ma tanto Patricia alla fine farà il riepilogo.
      Mi è piaciuto molto anche il tuo racconto fantascientifico dell'altro mese.
      P.s. leggendo i tuoi post qua e là, ho capito che sei bolognese come me ^__^

      Elimina
  9. Ma che brave che siete tutte..e tu Annamaria sei inconfondibile quando ci fai entrare nel tuo splendido mondo di fiaba..
    Grazie! Bacio speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella, il mio dubbio è capire se il mio modo di scrivere possa piacere ai bambini.
      Un abbraccione!

      Elimina
  10. Le tue storie sono bellissime fiabe ben scritte e leggerti è un vero piacere!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beatris, un abbraccio anche a te :)

      Elimina
  11. Ma che bella favola! è un vero piacere leggerla, Annamaria... Anche il mio finale era legato alla puntata precedente; comunque è tutto merito di Patricia se siamo così ispirati ;))...
    Tornerò a trovarti!

    Buona giornata,
    Regina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. il titolo del blog è Eccezionale ahahahahahahah

      Elimina
    2. Ciao Regina è un vero piacere avere qui l'autrice del pezzo più esilarante e che ha raccolto tanto consenso, il tuo racconto mi ha fatto sbudellare dal ridere (la ceretta.. ma come ti è venuta in mente na roba così?), come quello di CaraMalù e il barattolo, siete proprio due cartole.
      Il tuo collegamento è più che chiaro, il personaggio lo nomini anche nel racconto ed è proprio azzeccatissimo.
      Sono felice che mio titolo ti faccia ridere, in fondo è quello il suo compito;)

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Ma quanto sei brava Anna Maria?
    Ovviamente sono curiosa di sapere come va a finire.
    Piccola Strega mi piace un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh cavolo!!! Squitty, ora devo per forza trovare un seguito ^__^
      Grazie sei troppo gentile.

      Elimina
    2. Oh cavolo!!! Squitty, ora devo per forza trovare un seguito ^__^
      Grazie sei troppo gentile.

      Elimina
  14. Ciao Anna Maria,

    devo confidarti una cosa. Non sei entrata nell'indice delle mie preferenze per questa puntata per un paio di semplici motivi:

    - la presenza dei draghi ti avrebbe favorito eccessivamente :D
    - come ha già fatto notare qualcuno, non hai concluso la storia!!! :P

    Quindi ti invito ad aprire una bella rubrica dove ci racconti per bene tutta la storia. Un famoso autore, a me molto caro, iniziò il suo percorso verso uno strabiliante successo proprio con racconti fantastici rivolti ai ragazzi (e qui tutti lo siamo :P). Esagero? Può essere, ma chissene XD

    Non tirarti mai indietro, perché c'è qualcuno che apprezza e non vale la pena tenersi questa bella roba tutta per sé ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PiGreco, mi ha fatto moto piacere leggere la tua confidenza e confidenza per confidenza, ti racconto che sono una nonna che non ha ancora perso il suo lato fanciullesco. E' proprio questa caratteristica che mi fa scrivere storie per bambini che però, per ora, non hanno riscosso grande successo, spero sempre di trovare un disegnatore che abbia voglia di condividere l'avventura.
      La storia di Piccola strega è già abbozzata nella mia mente, ma sto faticando per trovare tempo per il continuo di Melissa. Vero che sono fiabe ma mi vengono sempre un po' lunghette e i pezzi si devono incastrare per benino, in più è da un po' che me ne succedono di cotte e di crude.
      Comunque la tua idea non la scarto, vedremo.
      Ciao ragazzo e grazie di essere passato.

      Elimina
    2. L'importante è non perdere mai questo status che ci porta a fare della nostra fantasia un posto reale :D e soprattutto non cedere allo sconforto se si ha un progetto, anche solo nel suo stato embrionale.

      Alle volte, quando meno ce lo aspettiamo, "puff" e succede qualcosa di inatteso, c'è solo da aver pazienza, mentre non si ha fretta :P

      Io 6 mesi fa (circa) non avrei mai immaginato di seguire blog, commentare e scrivere qualcosa di mio, eppure eccomi qua :D

      Chissà tra altri 6 mesi cosa ci racconteremo :P intanto ti dico: alla prossima ^_^

      Elimina
    3. Vero, arranco ma non demordo, se non è adesso, lo sarà a tempo debito.
      Grazie mille PiGreco per l'approvazione e l'appoggio.
      Buona e serena giornata.

      Elimina