martedì 15 agosto 2017

Buon compleanno mio caro piccolo Blog.


Caro piccolo blog, pensavi mi fossi dimenticata di te?

Invece no!

Per il tuo compleanno ti regalo una favola suggeritami da un episodio successo in questi giorni. 

DENTINA


Snif era stanco ma molto soddisfatto, sentiva il suo prezioso carico dentro la borsa di cuoio, sbatterle sul fianco. Il peso le segava la spalla, ma continuava a camminare veloce pensando a Minet. Aveva appena passato Passo Stretto quando gli apparve Dentina, il suo ridente paesino con le sue bianche e luccicanti case, sulla riva del lago Piro. Un sospiro gli fece distendere la fronte corrugata, i suoi baffi fremettero nel respirare l’aria di casa. Il suo era un lavoro pericoloso e duro. Destrezza, furbizia ma soprattutto silenziosità, erano doti indispensabili. Anche questa volta tutto era filato liscio, per di più portava a casa una pietra preziosissima e unica. Era l’ultimo mattone per la sua nuova casa.
Dentina era famosa per le sue case di un bianco brillante e candido.  Le facciate erano rivestite di pietre bianche e pregiate. Molti abitanti di Dentina lavoravano per raccogliere quel meraviglioso e resistente materiale, che rendeva le case del paese così belle e uniche. Questa particolarità richiamava i turisti da ogni luogo. Giravano per le vie ammirando la bellezza di Dentina, facendosi selfie, comprando souvenir fatti dello stesso materiale delle case, mangiando nei ristoranti i tipici piatti a base di formaggio e comprando prelibatezze da sgranocchiare.
Minet lavorava in uno dei ristoranti sulle sponde del lago, che era famoso e frequentato per il bel panorama. Lei vide Snif in fondo al viale e felice le cose incontro, lui la sollevò facendola roteare. Emozionato, le comunicò la notizia: «C’è l’ho. È bellissima!» Gli occhietti tondi e nerissimi di Minet brillavano di felicità: «L’ultima pietra per finire l’arco della porta?».
«Sì! E pensa è dello stesso purissimo materiale delle altre tre. Sono tutte dello stesso bambino».
«E non si è svegliato mentre la sottraevi da sotto il cuscino?».
«No! Sono molto bravo in questo e l’ho pagato molto bene: una moneta dorata e tintinnante e un pezzo di carta verde, che gli umani trovano più prezioso del metallo. Valli a capire quelli! Comunque domani finirò la facciata della nostra casetta, poi potremo sposarci».     
Minet lanciò un gridolino di felicità e lo baciò.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mio nipote ha perso il quarto dentino e ci siamo domandati: «Ma i topini o le fatine che raccolgono i denti di tutti i bambini, dove li portano e cosa ne fanno?». Da questa domanda è nata questa storia: DENTINA.
Il ragazzo però è già un po' scafato e comincia a essere dubbioso e alla domanda diretta: «Li hai messi tu i soldi?»
La risposta è stata decisa e immediata: «Noo... non ne so nulla! Anzi ti dirò che sei un bimbo fortunato».
«Perché?»
«Io quando ero piccola non sapevo dell'esistenza di un topino o di una fatina, così non ho mai messo i dentini sotto il cuscino. Mannaggia! Se lo sapevo, ci avrei guadagnato un sacco di soldi, e invece così non ne ho mai ricevuti.».
Lui ascoltandomi e si è distratto chiedendomi dove li mettevo e se li ho ancora.
Si è distratto o gli fa ancora piacere crederci?
Penso entrambe le cose e va bene così, a sette anni si può ancora sognare, giocare e credere nella magia delle favole. In definitiva anche noi adulti quando leggiamo un libro che ci piace cosa facciamo? Non siamo dispiaciuti di lasciare quella storia quando finiamo di leggerla?
A me succede. Non per nulla il mio blog ha la parola “Sogni” nel suo titolo.
Il titolo del blog è una frase che ho trovato in una vignetta di Snoopy, la sua ironia mi piace. Io comunque sogno tranquillamente anche a occhi aperti, anzi quelli notturni svaniscono appena mi sveglio, mentre quelli diurni mi fanno sorridere come una deficiente anche da sola. Così rincorrendo i miei pensieri bislacchi, ogni tanto li scrivo qui, sono le mie care Panzane.
La favola Dentina è una di queste.
Buon compleanno mio caro e piccolo blog.
Eh già! Non c’è il due senza il tre, è il 15 agosto, come scorre in fretta il tempo, mi sembra ieri che titubante mi sono lanciata in questo immenso mare, la biosfera di internet, nuotando e fermandomi spesso per respirare. Caro blog non mi dimentico di te e delle persone che mi hai dato l’opportunità di conoscere e che continuo a leggere e seguire. Mi avete dato tutti molto, è un bellissimo modo per allargare gli orizzonti, il pensare, il riflettere, il giocare, il conoscere cose nuove mantenendo la mente attiva nonostante gli anni che passano sempre più velocemente. 

22 commenti:

  1. Tantissimo auguri Blog! Buon compiblog a te e un bacione alla oadrona da casa, donna unica e speciale!
    😙😙😙😙😙

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tesoro siamo tutte uniche e rare, compresa tu mia mitica Capitana. ;D

      Elimina
    2. Se leggesse mio marito di direbbe
      E MENOMALEEEEE!!!!! ahahhahahahahaha
      Bacio stella!

      Elimina
  2. Buon compleanno blog è complimenti all'autrice. Mille di questi anni.
    Buona fine di ferragosto.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. La storia te la rubo.
    Ciao ciao.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma graaazieee! Quale onore! Sono felice ti sia piaciuta.
      Ciao carissima.

      Elimina
  4. Ho letto con immenso piacere questo articolo!
    Buon compleanno blog!
    Un abbraccio!

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blgspot.it

    RispondiElimina
  5. Certo che mi va Benedetta, lo farò senz'altro.
    Buon proseguimento d'estate.

    RispondiElimina
  6. Tantissimi Auguri di Buon Compleanno al tuo blog e un abbraccio a te, cara! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia,grazie per gli auguri, un bacione.

      Elimina
  7. Ahaha, ormai i ragazzini non credono più a queste cose ma... bella storia! :)
    BUON COMPLEANNO AL BLOG!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao discolo di un ragazzo, mi fanno davvero piacere i tuoi auguri, grazie.

      Elimina
  8. Buon compleanno al tuo Blog cara Anna ... che bella la tua favola .... chissà se metto anche i miei sotto il cuscino che succede ... la fatina forse mi aiuterà a rifarmi la dentiera? bah ci proverò ... non c'è proprio nulla di male a sognare è talm ente bello qui ...un bacione a te ed al tuo cucciolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, dai proviamo a recuperare il tempo perso con i nostri dentoni. Chissà, forse ce li valutano di più e il dentista fa meno male al nostro portafoglio.
      Un bacione amica cara.

      Elimina
  9. Uhh, tanti auguri Anna Maria e che storia carina hai raccontato. Anch'io, da bambina, mi sono arricchita nascondendo i dentini sotto il cuscino. 😃
    Una storia del genere mi sarebbe piaciuta un sacco. 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, il tuo parere mi gratifica sempre molto.
      Baci.

      Elimina
  10. Buon compleanno!!anch'io mi ritrovo a sognare a occhi aperti quindi ti capisco benissimo 😊carina anche la storia!un bacio!

    RispondiElimina
  11. Augurissimi, in ormai normale ritardo!
    Dolcissima la storia e assolutamente da mantenere viva la panzana dei topini/fatine dei denti.
    Io ho rischiato la gaffe, lasciandomi sfuggire, che mia mamma ha una scatolina con dentro tutti i dentini miei e di mio fratello. La prole mi ha chiesto, perché il topolino non se li ė presi. Mi son salvata dicendo che la nonna ha scoperto la tana dei topolini con tutto il suo contenuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Federica, non sei in ritardo, gli auguri fanno sempre piacere.
      Bellissima la risposta della tana, non rubiamo anticipatamente l'infanzia dei nostri bambini. Sono momenti magici che se non si vivono, non si possono recuperare. Da adulti certi ricordi, certe atmosfere, sono piacevoli da ricordare.

      Elimina